ricerca, tutela e promozione
del patrimonio enogastronomico di qualità

 








Paletta di Coggiola

Si tratta di un prodotto a base di carne suina del peso variabile tra 800 e 1300 g il cui nome deriva dalla presenza dell'osso piatto della scapola, a forma di pala appunto, per cui il muscolo della spalla che vi sta appoggiato assume una foggia a cucchiaio.

La parte centrale della spalla viene tagliata a metą e messa in salamoia insaporita con erbe, bacche e aromi, per circa 2-3 settimane.
Poichč nel Biellese non si producono prosciutti di coscia ma tutta la carne del maiale viene utilizzata per confezionare salumi a pasta pił o meno grossa, la paletta risulta essere il pezzo di maggior pregio, valutabile alla stregua di un vero prosciutto.
Il taglio viene massaggiato quotidianamente per omogeneizzare la penetrazione e la distribuzione della salamoia nel muscolo; segue la fase della insaccatura in vescica naturale, di legatura e di stagionatura del prodotto.

A Coggiola la paletta (detta "parsuc dla paletta") prima di essere racchiusa nella vescica viene abbondantemente cosparsa di pepe, il che conferisce al salume una particolare e specifica connotazione organolettica. La stagionatura avviene lasciando l'insaccato appeso in ambiente fresco ed aerato per circa un mese.

[<   Precedente  2  3  4  5  6  7  8  Successiva   >]

 
Copyright © 2010 - 2017 DocBi - Centro Studi Biellesi - p.iva 01483110027
web design | web developer
Login